Ultimo giorno a Parigi

Pubblico il diario fotografico dell’ultimo giorno dell’alta moda parigina.

A margine e dopo il rientro in Italia una breve, forse banale, riflessione: la moda, specie l’haute couture, è qualcosa di riservato a pochi ristrettissimi cittadini facoltosi. Alle sfilate non vedi cittadini comuni, persone normali, gente che incontri nella quotidianità, ma solo persone che in un modo o nell’altro appartengono a un ambiente esclusivo. Eppure, questa esclusività è ambita e desiderata dalle persone normali, tanto è chiuso e inaccessibile quel mondo tanto più è visto come una meta del desiderio, una speranza di possesso.

C’è da dire però che la sfilata spesso è uno show di altissimo livello, esteticamente sublime, teatralmente perfetto.

Sarebbe bello che potesse essere visto da tutti.